Personal branding… attività che nei prossimi anni chiunque dai CEO delle più grande imprese agli imprenditori proprietari delle più piccole dovranno fare. Chi lo farà sarà chi veramente avrà successo, per gli altri…beh, le cose non andranno molto bene.

In questo articolo scoprirai: che cos’è il personal branding, quali sono i suoi vantaggi e come si fa.

Arrivando alla fine saprai come cominciare sin da subito a costruire il tuo personal brand (brand personale).

Cominciamo? Direi proprio di sì!

Che cos’è il Personal Branding

Ti lascio leggere la definizione di personal branding direttamente da Wikipedia per lasciare spazio a ciò che secondo me è il personal branding ovvero:

“La capacità di vendere se stessi e la ragione per cui un cliente dovrebbe scegliere noi.”

Tramite il personal branding si identifica, coltiva e comunica nella maniera più efficace possibile questa ragione.
Come avrai ben capito facendo personal branding non si vende/promuove direttamente la propria impresa MA si vende se stessi per vendere la propria impresa.

Ti faccio subito un esempio, immagina di avere una piccola impresa produttrice di cacciaviti. Nell’ultimo anno le vendite sono rimaste stabili. Cosa? Crei il tuo personal brand, crei il tuo seguito di professionisti interessati nei migliori cacciaviti sul mercato i quali compreranno proprio da te perché sei la persona che per loro è il punto di riferimento in questo mercato. Per quanto sia “stupido” come esempio fa ben capire il concetto.

Facendo personal branding andrai a individuare o definire i tuoi punti di forza, ciò che ti rende unico e differente, andando a comunicare in maniera efficace cosa sai fare, come lo sai fare, quali benefici possono trarre i tuoi clienti e perché dovrebbero scegliere proprio te invece che i tuoi concorrenti.

Sai cosa succede quando non si fa ciò? Si è uguale a tutti gli atri perciò i clienti non hanno un reale motivo per cui scegliere te e la tua azienda o meno.

Quali sono i suoi vantaggi

Costruire un personal brand efficace offre diversi GRANDI vantaggi. Aiuta ad ottenere:

  • Opportunità professionali
  • Ottimi contatti e clienti per il tuo business, tramite te porterai benefici pazzeschi alla tua impresa
  • Autorevolezza nel tuo campo

Si punta sul proprio asset principale: se stessi!

La strategia di Branding costituisce le fondamenta di ogni buona azione di comunicazione e di marketing. Sapresti per esempio spiegare quale messaggio, promessa, missione hai e a chi vuoi comunicarli e quali immagini vuoi stimolare nelle loro menti?

Seguendo una strategia troverai risposta a queste domande.

Non è assolutamente “alterare se stessi”, dare un’immagine falsa di sé o facendo percepire in maniera “subdula” un valore che in realtà non esiste. Credimi, è molto meglio essere trasparenti e chiari nella spiegazione del motivo per cui dovremmo essere scelti e fare in modo che siano gli altri a venire da noi e a cercarci.

Oggi, come mai in passato, è possibile creare un personal brand molto più velocemente e facilmente tramite quelli che io definisco il doping del personal brand i “Social Media”. Se prima si parlava di costruirsi un’immagine a tavolino oggi si parla di trasparenza, condivisione, collaborazione e networking.

Un personal brand non esiste senza la capacità di creare un’influenza su un pubblico interessato a noi, ai nostri valori e a quello che facciamo. Un brand di qualsiasi tipo non esiste senza saperci creare una community intorno.

Si parte dalla propria personalità, che per definizione è unica, dai propri punti di forza, per costruire una relazione duratura e a due vie con il proprio pubblico, capace di rafforzare e molte volte anche di migliorare il proprio business attraendo molte volte anche nuove opportunità.

Tutto molto bello ma

Come si fa Personal Branding

Per costruire un personal brand pensa a cosa vorresti che la gente associasse il tuo nome, ad esempio a quali valori. Una volta capito come vuoi farti percepire potrai iniziare ad elaborare una strategia per raggiungere questo obiettivo.

Quando si fa personal branding esistono dei passaggi ben definiti da seguire in linea generale:

1- Identifica il tuo messaggio, i tuoi punti forti e le tue debolezze.

La prima cosa da fare è quella di identificare quale sarà il messaggio che vorrai far tramettere alle persone che ti seguiranno, questo messaggio deve essere in linea con ciò che realmente sei e non qualcosa di costruito a tavolino, come ti ho detto proprio poco fa.

Una volta trovato il messaggio che vorrai trasmettere al tuo pubblico dovrai fare un’analisi dei tuoi punti di forza e delle tue debolezze. Un esempio è: Sono più bravo a comunicare tramite la scrittura o comparendo in video? Questa passaggio è molto importante e capirai il perché nel prossimo punto.

Una volta capiti punti deboli e punti forti sarà il momento di perfezionare ciò che ti rende unico.

2- Coltiva la tua presenza online

Per costruire un brand personale la prima cosa che ti serve è una piattaforma su cui farti conoscere e dove puoi pubblicare i tuoi contenuti, questo ti aiuterà a dare un punto di riferimento anche a chi vorrà trovarti e contattarti.

Io ti consiglio di iniziare a selezionare un Social Media sul quale cominciare a condividere dei micro contenuti come: Citazioni, riflessioni, pensieri, idee, piccole guide, ecc..

Ti direi di iniziare preferibilmente su un social come Facebook o Instagram.

Una volta scelta la piattaforma su cui condividere i tuoi micro contenuti te ne servirà un’altra dove le persone che ti hanno cominciato a conoscere possano approfondire questa conoscenza tramite contenuti più approfonditi e dettagliati, questo può avvenire ad esempio tramite un canale YouTube, un blog, un podcast, ecc..

3- Condividi la tua conoscenza

Fallo, questa è l’era della condivisione, non devi aver paura di condividere ciò che sai con gli altri. Solo facendo questo le persone cominceranno a seguirti.

Aiuta le altre persone condividendo la tua esperienza attraverso i canali che avrai scelto. Fare questo ti permetterà di creare visibilità e credibilità.

Crea una strategia che ti permetta di trasmettere il messaggio e che possa associare il tuo nome a brand che possono influenzare positivamente il tuo. Questa cosa può essere realizzata attraverso guest blogging, recensioni, interviste e partnership.

4- Sii sempre te stesso

Come ti ho già detto ripetutamente in questo articolo, per fare personal branding, nel modo giusto, bisogna sempre essere se stessi e basarsi sulla propria personalità e su ciò che ti rende unico.

Un esempio che potresti conoscere è il caro Monty (Marco Montemagno), se non lo conosci clicca qui. Lui è veramente l’esempio vivente di come si fa personal branding, soprattutto nella parte di comunicazione è unico nel suo genere. Oltre un milione di persone che lo seguono nei sui racconti e buona parte anche nel suo business. Montemagno che tu lo veda su YouTube, per strada, in un convegno o a un evento per università è sempre lo stesso, non cambia mai, perché ciò che mostra è sempre il vero lui.

Questo ti fa ben capire che l’autenticità è fondamentale e devi trovare il tuo stile personale. Devi concentrarti sui tuoi valori e sulle priorità che hai per arrivare a comunicare in maniera coerente e finalizzata a raggiungere gli obiettivi che hai. Che questi siano aumentare i tuoi clienti, il tuo fatturato e/o far conoscere a più persone la tua impresa.

In conclusione

Siamo arrivati alla conclusione di questo articolo, ora dovresti aver ben chiaro cos’è il personal branding e come farlo. Non ti resta che cominciare sin da subito ad applicare il tutto per creare il tuo personal brand personale per poi far partire a razzo la tua impresa, non mi resta che augurarti buon lavoro! 

Guarda questo video per avere ulteriori informazioni riguardanti la creazione di un personal brand!

Pin It on Pinterest

Share This